Laser terapia: quando è possibile, e quando - è impossibile

Zucchero

La terapia laser viene utilizzata nel trattamento di malattie neurologiche, malattie del cuore e dei vasi sanguigni, polmoni, denti e gengive, sistema riproduttivo, gola, orecchio, naso, pelle e altri organi e tessuti.

Laser terapia

La terapia laser è un tipo di procedura fisioterapica in cui un'onda luminosa con un dispositivo speciale, un laser, agisce su una regione del corpo di una certa lunghezza. Il dispositivo stesso aumenta la luce stimolando la radiazione. L'unicità di questo metodo risiede nelle proprietà della radiazione laser:

  1. Monocromatico (esattamente la stessa lunghezza d'onda specificata).
  2. Polarizzazione (esattamente la direzione specificata del vettore delle oscillazioni elettromagnetiche nel piano e nello spazio).
  3. Coerenza (sincronizzazione temporale di diversi vettori della stessa frequenza).
  4. Direttività (il fascio di luce laser è diretto in modo preciso e non diverge).

Con la loro azione, la radiazione laser è suddivisa in 3 tipi:

  • Per manipolazioni chirurgiche.
  • Per attività diagnostiche.
  • Per le procedure di fisioterapia.

Come è la procedura

Con l'aiuto di un laser è possibile influenzare le seguenti zone di radiazione:

  1. Direttamente nell'area colpita.
  2. Proiezione sulla pelle dell'organo interessato.
  3. Punti di agopuntura (zone riflesse).

Sono possibili metodi di contatto e contatto senza contatto. Nel primo caso, il dispositivo è a contatto con la pelle, e nel secondo - tra la pelle e il dispositivo rimane un cuscino d'aria (con questo metodo si perde il 30-40% delle radiazioni).

Ci sono 2 modi per affrontare la tecnica contactless:

Con un impatto stabile, il dispositivo non si muove nello spazio. Con la variante labile è possibile spostare il raggio laser lungo la superficie della zona di influenza.

Ci sono alcune caratteristiche dell'uso della terapia laser:

  • Se è necessaria un'altra procedura fisioterapica allo stesso tempo, il trattamento laser viene effettuato prima mezz'ora prima di un'altra esposizione.
  • Non utilizzare il trattamento laser il giorno di uno studio radiografico o radioisotopico.
  • Le dosi di medicine mediche sono ridotte (come prescritto da un medico) mentre effettuano un complesso di procedure laser, poiché tali procedure aumentano l'effetto di trattamento.
  • Il numero di procedure nel corso è assegnato a 8-12, e nei primi 5 giorni vengono eseguiti tutti i giorni, e il resto - a giorni alterni. È possibile solo una procedura al giorno.
  • Tra un corso e l'altro fai una pausa fino a un mese. Dopo il trattamento, i 3 corsi si interrompono per sei mesi, quindi ripetono il corso.
  • Non è pratico utilizzare un laser per una zona per più di 10 minuti.
  • Se durante una pausa tra un corso e l'altro è necessaria la laserterapia, viene eseguito secondo lo schema raccomandato per il trattamento della malattia.
  • Per le persone sensibili alle intemperie nei giorni di maggiore attività magnetica, l'effetto del laser è ridotto di 4 volte

testimonianza

L'uso del laser è diventato diffuso in vari campi della medicina:

  • pneumologia
  • neurologia
  • cardiologia
  • stomatologia
  • dermatologia
  • ginecologia
  • otorinolaringoiatria

La terapia laser a bassa intensità si è diffusa a causa del lancio di una sequenza di reazioni che hanno i seguenti effetti:

  • Attivazione dei processi metabolici nelle cellule (a causa del riscaldamento locale, vengono rilasciati ioni di calcio, che innesca questo meccanismo)
  • Aumento dell'attività tissutale in accordo con la loro funzione
  • Migliorare la circolazione del sangue nel corpo in generale e in una zona separata in particolare
  • Riduzione del processo infiammatorio
  • Miglioramento significativo nella nutrizione dei tessuti
  • Ripristino dell'integrità del tessuto

La terapia laser ad alta intensità ha un effetto completamente diverso:

  • I vasi nell'area di impatto muoiono
  • I tessuti sono completamente distrutti

I raggi ad alta intensità sono utilizzati in oncologia e chirurgia.

pneumologia

È possibile utilizzare il trattamento laser o tale trattamento solo in combinazione con altri metodi di trattamento non farmacologico. Le seguenti malattie sono guarite:

  • Polmonite acuta e purulenta
  • Bronchite ostruttiva nella fase acuta
  • bronchiolite
  • Pleurite essudativa e fibrosa
  • Ascesso polmonare
  • Polmonite prolungata
  • Bronchite ricorrente
  • Laringite acuta
  • Asma bronchiale

Per il trattamento, può essere utilizzato in combinazione con idroterapia, terapia fisica, massaggio, inalazione, fangoterapia, trattamento con ultrasuoni e un campo magnetico. È usato nei pazienti dalla nascita.

neurologia

È usato in presenza di malattie degenerative della colonna vertebrale:

  • In caso di spondiloartrosi della lesione primaria delle articolazioni costale-vertebrale, sacro-iliaca e bisessuale
  • Quando si deforma la spondilosi con la formazione di osteofiti
  • Con osteocondrosi
  • Spondiloartrosi secondaria
  • Legamentosi ossigenante
  • Displasia spinale
  • Nei processi infiammatori nella colonna vertebrale

Può essere utilizzato per lesioni spinali e durante il trattamento delle complicanze postoperatorie.

La terapia laser ha effetti analgesici, anti-edematosi e anti-infiammatori.

cardiologia

In cardiologia, è usato per le seguenti malattie:

  • Infarto miocardico in fase acuta
  • Miocardite infettiva e allergica
  • Angina pectoris
  • Cardiopatia ischemica
  • Insufficienza coronarica acuta
  • Fibrillazione atriale (forma parossistica)
  • Difetti cardiaci
  • Disfunzione del nodo del seno

stomatologia

L'odontoiatria laser rispetto alla terapia tradizionale presenta diversi vantaggi:

  1. Trattamento senza sangue
  2. Nessuna probabilità di infezione
  3. Alta esposizione accurata direttamente al sito della malattia senza il coinvolgimento di tessuti sani

Utilizzato nel trattamento di:

  • Carie nella fase iniziale
  • Eliminazione delle gengive sanguinanti e dell'odore (malattia parodontale)
  • Durante l'installazione della corona, si ottiene un'elevata precisione del microsocco, che consente di non influire sui denti vicini sani.
  • La sensibilità dei denti (aumenta la durezza dello smalto di quasi il 40%)
  • Rimozione di una cisti senza sangue

dermatologia

Trattamento laser per le seguenti malattie:

  • Dermatosi di natura allergica (eczema, orticaria in caso di recidiva, dermatite atopica)
  • psoriasi
  • Privato (piatto rosso)
  • pyoderma
  • Vasculite cutanea
  • sclerodermia
  • vitiligine
  • calvizie
  • Malattie fungine delle unghie

Condotto con l'aiuto della terapia laser e alcune procedure cosmetiche:

  • Rimozione della cicatrice
  • depilazione
  • Dermoabrasione (peeling)
  • Ringiovanimento della pelle

In ginecologia

  • oophoritis
  • vaginite
  • vulva
  • parametri
  • endometritis
  • salpingitis
  • Infiammazione delle appendici
  • STI
  • Dopo mini-aborti e curette
  • Sanguinamento uterino
  • infertilità
  • Processi di saldatura
  • Erosione cervicale

Con adenoidi e altre malattie ORL

Il trattamento laser è utilizzato in otorinolaringoiatria per le seguenti malattie:

  • Adenoidi ingrandite 2-3 gradi (significa che è il trattamento delle adenoidi).
  • Evstahiit.
  • Otite esterna e media.
  • La malattia di Meniere.
  • Kohleonevrit.
  • Ipoacusia neurosensoriale.
  • Rinite nella fase acuta.
  • Il periodo dopo l'intervento.
  • La tonsillite è acuta e cronica.
  • Tonsillectomia.
  • Anteriore.

Compresi attivamente utilizzati per il trattamento del naso:

  • Rinite vasomotoria cronica.
  • La sinusite è cronica.
  • Faringite cronica
  • Nasofaringite.

Controindicazioni

L'uso di un tale metodo di trattamento come terapia laser è vietato:

  • In caso di malattie del sangue: rapporto insufficiente dei componenti del sangue, tendenza al sanguinamento, basso tasso di coagulazione del sangue
  • Con la localizzazione di tumori nell'area del laser
  • Con la fase attiva della tubercolosi
  • Stadio di decompensazione del diabete, insufficienza polmonare, insufficienza epatica
  • Il terzo stadio di insufficienza polmonare o cardiovascolare
  • Angina pectoris
  • Emorragia mensile abbondante nelle donne
  • Periodo di gestazione

Solo le malattie del sistema ematopoietico possono causare il rifiuto del 100% di tale trattamento.

Recensioni

Recensione della clinica Extramed di Mosca:

Recensione del centro di terapia laser "Biomed" a Mosca:

Recensioni del centro "Laser Therapy" a Krasnodar:

È possibile eliminare le lesioni cutanee fungine (una piccola area) o la lamina ungueale per 500-600 rubli. Se si desidera eliminare i peli superflui su una vasta area del corpo, cuocere fino a 10.000 rubli. Da 15.000 a 50.000 rubli russi andranno al peeling laser.

Il trattamento laser in otorinolaringoiatria andrà da 2.000 a 5.000 rubli.

In ginecologia, l'esposizione laser costa da 1000 rubli (esposizione minima) a 10.000 rubli (con una vasta area di esposizione).

Con esposizione endovenosa a un raggio laser, preparare da 500 a 7.000 rubli, a seconda della durata della sessione.

Aggiungi un commento Annulla risposta

Devi essere registrato per pubblicare un commento.

Laserterapia in ginecologia

La terapia laser è uno dei moderni metodi di trattamento fisioterapeutico, ampiamente utilizzato in molti settori della medicina, compresa la pratica ostetrica e ginecologica. Questo tipo di terapia è caratterizzato da sicurezza e alta efficienza, sotto la sua azione si innescano importanti processi biochimici, si migliora la permeabilità delle membrane cellulari, aumenta l'assorbimento di ossigeno da parte dei tessuti, che generalmente accelera il processo di recupero e ripristino di organi e tessuti danneggiati.

Cos'è la laserterapia e quali sono i suoi vantaggi?

La terapia laser si basa sugli effetti di un raggio di luce direzionale, il cui spettro di raggi ha un effetto positivo su qualsiasi tessuto del corpo. Grazie a questa "spinta" di energia:

  • i processi di autoregolazione sono attivati
  • migliora la circolazione sanguigna locale
  • stimola l'immunità umorale e cellulare
  • i processi infiammatori sono eliminati
  • allevia il dolore
  • i processi di recupero sono accelerati
  • riserva le forze biologiche del corpo sono mobilitate

Rispetto a molti altri metodi di trattamento delle malattie ginecologiche, la terapia laser presenta numerosi vantaggi significativi. Quindi, l'applicazione locale di questo tipo di radiazioni:

  • completamente indolore e ben tollerato dai pazienti
  • effetto positivo sulle condizioni del paziente sin dalla prima seduta
  • rafforza e migliora l'effetto dei farmaci, consente di ridurre il loro dosaggio
  • non crea dipendenza
  • non ha effetti collaterali
  • non causa reazioni allergiche
  • Recupero 2-3 volte più veloce
  • aumenta la durata della remissione delle malattie croniche
  • ha un effetto duraturo

Inoltre, la facilità d'uso del laser consente di condurre corsi di fisioterapia non solo in ospedale, ma anche in regime ambulatoriale, il che semplifica enormemente il suo utilizzo a fini ricreativi.

Quali malattie applicano la terapia laser in ginecologia?

I medici raccomandano di condurre corsi di terapia con radiazioni laser per una varietà di malattie e condizioni:

  • processi infiammatori subacuti e cronici nei tessuti della vagina, dell'utero e delle sue appendici (colpitis, adnexite, vaginosi batterica, bartolinite, cervicite, endometrite, salpingoophorite)
  • aderenze cicatrizzanti nel bacino
  • malattie cervicali (compreso il trattamento dell'erosione cervicale mediante laser)
  • condilomatosi, papillomi spinosi, mollusco contagioso
  • irregolarità mestruali (dolorose, pesanti mestruazioni, la loro assenza)
  • disfunzione ovarica
  • disturbi dell'ipofisi e dell'ipotalamo
  • diminuzione del livello di ricezione degli ormoni nell'endometrio e nei tessuti delle ovaie
  • endometriosi
  • storia ostetrica oppressa (aborto, aborto, morte fetale, morte fetale)
  • infertilità

Durante la gravidanza, la terapia laser può essere utilizzata per trattare la tossicosi tardiva nelle donne in gravidanza e l'insufficienza fetoplacentare, e nel periodo postpartum per accelerare la riparazione dell'utero, curare i punti peritoneale, prevenire lo sviluppo di complicanze postpartum, trattare la lattostasi, mastiti della lattazione, crepe del capezzolo e produzione di latte insufficiente. Inoltre, la terapia laser è ben consolidata nel periodo di recupero dopo l'aborto, il curettage diagnostico, il parto e gli interventi chirurgici sui genitali.

Il trattamento di malattie ginecologiche con radiazioni laser è controindicato in caso di:

  • processi infettivi e infiammatori acuti
  • mastopatia fibrocistica
  • mioma utero
  • cisti suppurative degli organi genitali
  • tumori ovarici e cisti
  • diabete
  • grave esaurimento
  • neoplasie maligne e benigne
  • condizioni febbrili acute
  • forme gravi di endometriosi genitale
  • gravi malattie croniche

Come viene eseguita la terapia laser?

La terapia laser in ginecologia è utilizzata in diversi tipi principali:

  • accesso attraverso la parete addominale anteriore (più comune, utilizzato nella proiezione dell'utero e delle appendici irradiate con l'aiuto del contatto ravvicinato del radiatore con la pelle della parete addominale)
  • accesso attraverso le volte della vagina (utilizzando speciali attacchi ginecologici)
  • accesso combinato (sono possibili diverse combinazioni di iniezione simultanea di emettitori attraverso la cavità nasale, la parete addominale anteriore, la vagina)
  • irradiazione laser intravascolare del sangue (riduce il rischio di complicazioni infettive delle malattie prima e durante la gravidanza)

La scelta del metodo è effettuata dal medico individualmente per ogni donna e può essere assegnata sia come indipendente che come parte del complesso trattamento delle malattie genitali femminili. Le sessioni si svolgono ogni giorno all'incirca alla stessa ora del giorno, iniziando, di regola, da 5-7 giorni del ciclo mestruale. La durata del corso della terapia dipende dal tipo e dal decorso della malattia, si deve tenere presente che nel trattamento dei processi infiammatori dopo 3-6 procedure, può verificarsi una esacerbazione della malattia.

Laser terapia durante la gravidanza

La gravidanza è una controindicazione per l'assunzione di molti farmaci e il trattamento fisioterapico. Anche la terapia laser durante la gravidanza è controindicata.

Le restrizioni sono spiegate da cambiamenti nel corpo femminile durante il periodo di gestazione: aumentano i cambiamenti ormonali, il carico sulle navi e il sistema circolatorio nel suo complesso. Inoltre, molte donne in gravidanza lamentano tossiemia, sensazione di malessere.

Ci sono situazioni in cui la terapia laser è una panacea per le donne incinte.

Quando non ci sono laser - no?

Alcune malattie infettive si presentano senza sintomi, non causano disagio, quindi una donna non può indovinarle. Nel processo di registrazione per la gravidanza, si sottopone a un esame completo - in base ai risultati dei test e degli ultrasuoni, i medici diagnosticano le malattie nascoste.

Queste condizioni includono:

  • herpes genitale;
  • endometriosi;
  • pielonefrite;
  • colpites;
  • annessite;
  • vaginosi batterica;
  • Bartolini;
  • altre malattie
Ai pazienti con diagnosi delle malattie sopra menzionate viene prescritto un ciclo di trattamento laser. Viene anche effettuato, se prima una donna incinta aveva aborti spontanei, parto prematuro, mancato feto.

La terapia laser è efficace nel trattamento della tossicosi tardiva - dopo le prime sessioni il paziente ha notato un miglioramento significativo della salute.

Il trattamento laser viene applicato anche dopo il parto per accelerare il recupero degli organi genitali femminili e prevenire le complicazioni dopo la nascita di un bambino. Questo è particolarmente vero per il parto difficile, accompagnato da rotture e punti.

Cosa fa la laserterapia?

Il compito dell'ostetrico-ginecologo, che ha la futura mamma, è migliorare la salute della madre e del feto, dare alla luce un bambino sano.

La laserterapia contribuisce al raggiungimento di questi obiettivi e prolunga la gravidanza con la minaccia di parto prematuro, così come:

  • Ridurre al minimo il numero di farmaci assunti da una paziente incinta.
  • Aumentare la quantità di lattogeno placentare del 20-25%. Con bassi tassi di questo ormone, il rischio di aborto spontaneo raddoppia, lo sviluppo fetale ritardata è possibile.
  • Migliora il benessere del paziente, normalizza l'appetito, allevia la tensione nervosa.
  • Introdurre infezioni virali e altre malattie patologicamente pericolose per la salute del feto in uno stato di remissione stabile. La durata della remissione raggiunge 4-5 mesi - durante questo periodo molte donne danno alla luce bambini e possono prendersi cura della loro salute.
  • Ridurre al minimo la probabilità di infezioni nei neonati.

Come vengono eseguite le procedure?

Le sessioni di terapia laser sono condotte in diversi modi:

  1. La radiazione è diretta alla proiezione dell'utero e delle ovaie attraverso la pelle della parete addominale anteriore.
  2. Il raggio laser passa attraverso la vagina. Per tali procedure, vengono utilizzati speciali suggerimenti ginecologici all'apparecchio laser.
  3. Metodo combinato, quando gli emettitori vengono introdotti simultaneamente attraverso il naso, la vagina e il contatto attraverso la pelle della parete addominale.
  4. Irraggiamento del sangue intravascolare. Questo metodo viene utilizzato quando una malattia infettiva viene rilevata in una paziente incinta, al fine di evitare complicazioni per lei e la salute dell'embrione.
Il medico determina il metodo individualmente. Le sessioni si svolgono ogni giorno - non prima della 32a settimana di gravidanza e sotto la stretta supervisione dei medici. Il numero di procedure è selezionato per ciascun paziente, in base alla storia e al corso della gravidanza. Di solito i miglioramenti sono noti dopo 4-5 sessioni.

Controindicazioni

La terapia laser è controindicata nelle donne in gravidanza che hanno:

  • malattie cardiovascolari;
  • scarsa coagulazione del sangue;
  • ipotensione;
  • tubercolosi attiva;
  • la sifilide;
  • diabete;
  • esacerbazione di patologie infettive;
  • tumori maligni;
  • disturbi nervosi;
  • esaurimento fisico.
Ci sono anche controindicazioni relative, quindi, per iniziare un corso di laserterapia è possibile solo dopo aver consultato un medico.

Laser terapia durante la gravidanza

Home → Terapia → Laserterapia durante la gravidanza

La terapia laser è uno dei metodi di trattamento fisioterapico basato sull'uso di raggi ottici di colore fisso rosso o infrarosso. Il laser è utilizzato in molte aree della medicina: dermatologia, neurologia, oftalmologia, chirurgia, psichiatria, cardiologia, ginecologia, odontoiatria, ecc. In alcuni casi, la terapia laser viene utilizzata per il trattamento di pazienti affetti da cancro.

Nella maggior parte dei casi, la gravidanza è una severa controindicazione alla terapia laser. Il divieto non è dovuto all'effetto negativo del raggio sull'embrione, ma al carico eccessivo sul corpo della futura gestante, che è quindi sotto stress a causa di cambiamenti ormonali, aumento del carico sulle navi, ecc.

Tuttavia, ci sono situazioni in cui è necessario l'uso di ILBL (irradiazione laser intravenosa del sangue).

Indicazioni per l'uso Vlok incinta

Quando una donna si iscrive alla gravidanza, passa una serie di test necessari e si sottopone a una serie di esami che aiutano il ginecologo a valutare la salute della futura gestante. Non sempre una donna è completamente sana, accade che molte infezioni si presentino in forma latente e la presenza di una donna incinta non si rende nemmeno conto. Il trattamento farmacologico è controindicato perché può danneggiare il feto e quindi venire in aiuto alla terapia laser. Viene effettuato in situazioni in cui vi sono:

  • forma tipica e atipica di herpes genitale o citomegalovirus;
  • malattia renale cronica (pielonefrite) in una donna incinta;
  • bartolinite subacuta o cronica;
  • endometriosi;
  • peritonite o sepsi, qui la terapia laser agisce come uno strumento aggiuntivo per il trattamento conservativo e chirurgico;
  • forme croniche di salpingoophorite, endometrite, colpite.

Inoltre, la terapia laser è prescritta alle donne nella situazione, se ci sono stati casi di aborto spontaneo, parto prematuro, morte fetale dell'embrione, nascita di bambini infetti.

Vale la pena notare che tutte le manipolazioni sono effettuate non prima della 32a settimana di gravidanza.

L'effetto dell'uso del laser nelle donne in gravidanza

La conduzione dell'irradiazione laser endovenosa del sangue nelle donne incinte infette dopo un periodo di 32 settimane consente di:

  • portare la malattia virale in uno stato di remissione stabile (l'effetto positivo dura almeno 4-4,5 mesi);
  • prolungare la gravidanza;

Controindicazioni a realizzazione di VLOK a donne incinte

Ma non sempre è possibile la terapia laser nelle donne in gravidanza, in alcuni casi alcune patologie fungono da controindicazioni per il suo utilizzo:

  • malattie del sangue e patologie del sistema cardiovascolare, anche nella fase di scompenso;
  • basso numero di piastrine nel sangue (scarsa coagulazione);
  • tireotossicosi grave;
  • esaurimento nervoso e fisico;
  • la sifilide;
  • pressione ridotta (tassi inferiori a 90/60);
  • tubercolosi attiva;
  • aumento della temperatura corporea con eziologia poco chiara;
  • livelli eccessivi di glucosio nel sangue (diabete mellito grave);
  • malattie infettive nella fase acuta;
  • tumori, sia maligni che benigni;
  • disturbi nervosi.

In ogni caso, il metodo di trattamento è scelto dal ginecologo, previa valutazione delle condizioni fisiche della donna, possibili benefici e potenziali danni alla vita e alla salute della madre e del feto.

Laserterapia in ginecologia

La terapia laser è uno dei moderni metodi di trattamento fisioterapeutico, ampiamente utilizzato in molti settori della medicina, compresa la pratica ostetrica e ginecologica. Questo tipo di terapia è caratterizzato da sicurezza e alta efficienza, sotto la sua azione si innescano importanti processi biochimici, si migliora la permeabilità delle membrane cellulari, aumenta l'assorbimento di ossigeno da parte dei tessuti, che generalmente accelera il processo di recupero e ripristino di organi e tessuti danneggiati.

Cos'è la laserterapia e quali sono i suoi vantaggi?

La terapia laser si basa sugli effetti di un raggio di luce direzionale, il cui spettro di raggi ha un effetto positivo su qualsiasi tessuto del corpo. Grazie a questa "spinta" di energia:

  • i processi di autoregolazione sono attivati
  • migliora la circolazione sanguigna locale
  • stimola l'immunità umorale e cellulare
  • i processi infiammatori sono eliminati
  • allevia il dolore
  • i processi di recupero sono accelerati
  • riserva le forze biologiche del corpo sono mobilitate

Rispetto a molti altri metodi di trattamento delle malattie ginecologiche, la terapia laser presenta numerosi vantaggi significativi. Quindi, l'applicazione locale di questo tipo di radiazioni:

  • completamente indolore e ben tollerato dai pazienti
  • effetto positivo sulle condizioni del paziente sin dalla prima seduta
  • rafforza e migliora l'effetto dei farmaci, consente di ridurre il loro dosaggio
  • non crea dipendenza
  • non ha effetti collaterali
  • non causa reazioni allergiche
  • Recupero 2-3 volte più veloce
  • aumenta la durata della remissione delle malattie croniche
  • ha un effetto duraturo

Inoltre, la facilità d'uso del laser consente di condurre corsi di fisioterapia non solo in ospedale, ma anche in regime ambulatoriale, il che semplifica enormemente il suo utilizzo a fini ricreativi.

Quali malattie applicano la terapia laser in ginecologia?

I medici raccomandano di condurre corsi di terapia con radiazioni laser per una varietà di malattie e condizioni:

  • processi infiammatori subacuti e cronici nei tessuti della vagina, dell'utero e delle sue appendici (colpitis, adnexite, vaginosi batterica, bartolinite, cervicite, endometrite, salpingoophorite)
  • aderenze cicatrizzanti nel bacino
  • malattie cervicali (compreso il trattamento dell'erosione cervicale mediante laser)
  • condilomatosi, papillomi spinosi, mollusco contagioso
  • irregolarità mestruali (dolorose, pesanti mestruazioni, la loro assenza)
  • disfunzione ovarica
  • disturbi dell'ipofisi e dell'ipotalamo
  • diminuzione del livello di ricezione degli ormoni nell'endometrio e nei tessuti delle ovaie
  • endometriosi
  • storia ostetrica oppressa (aborto, aborto, morte fetale, morte fetale)
  • infertilità

Durante la gravidanza, la terapia laser può essere utilizzata per trattare la tossicosi tardiva nelle donne in gravidanza e l'insufficienza fetoplacentare, e nel periodo postpartum per accelerare la riparazione dell'utero, curare i punti peritoneale, prevenire lo sviluppo di complicanze postpartum, trattare la lattostasi, mastiti della lattazione, crepe del capezzolo e produzione di latte insufficiente. Inoltre, la terapia laser è ben consolidata nel periodo di recupero dopo l'aborto, il curettage diagnostico, il parto e gli interventi chirurgici sui genitali.

Il trattamento di malattie ginecologiche con radiazioni laser è controindicato in caso di:

  • processi infettivi e infiammatori acuti
  • mastopatia fibrocistica
  • mioma utero
  • cisti suppurative degli organi genitali
  • tumori ovarici e cisti
  • diabete
  • grave esaurimento
  • neoplasie maligne e benigne
  • condizioni febbrili acute
  • forme gravi di endometriosi genitale
  • gravi malattie croniche

Come viene eseguita la terapia laser?

La terapia laser in ginecologia è utilizzata in diversi tipi principali:

  • accesso attraverso la parete addominale anteriore (più comune, utilizzato nella proiezione dell'utero e delle appendici irradiate con l'aiuto del contatto ravvicinato del radiatore con la pelle della parete addominale)
  • accesso attraverso le volte della vagina (utilizzando speciali attacchi ginecologici)
  • accesso combinato (sono possibili diverse combinazioni di iniezione simultanea di emettitori attraverso la cavità nasale, la parete addominale anteriore, la vagina)
  • irradiazione laser intravascolare del sangue (riduce il rischio di complicazioni infettive delle malattie prima e durante la gravidanza)

La scelta del metodo è effettuata dal medico individualmente per ogni donna e può essere assegnata sia come indipendente che come parte del complesso trattamento delle malattie genitali femminili. Le sessioni si svolgono ogni giorno all'incirca alla stessa ora del giorno, iniziando, di regola, da 5-7 giorni del ciclo mestruale. La durata del corso della terapia dipende dal tipo e dal decorso della malattia, si deve tenere presente che nel trattamento dei processi infiammatori dopo 3-6 procedure, può verificarsi una esacerbazione della malattia.

Laserterapia: effetti, indicazioni e controindicazioni

Le malattie del sistema muscolo-scheletrico richiedono un approccio integrato al trattamento. Oltre all'utilizzo di terapia farmacologica, esercizi di fisioterapia e dieta, le tecniche di fisioterapia vengono applicate efficacemente. Una delle loro tecnologie innovative in questo settore è la laserterapia. La scelta della potenza, della densità e del tempo di esposizione alle radiazioni consente l'uso della terapia laser per il trattamento di molte malattie.

Cos'è la laserterapia

La fisioterapia laser è un metodo di trattamento basato sull'uso dei raggi ottici. I laser fisioterapeutici generano radiazioni di lunghezza fissa dell'infrarosso (penetrano a una profondità di 8 centimetri nei tessuti molli e 2,5 nell'osso) o rossi (penetrano 2 millimetri) di colore. La potenza di tali dispositivi è 1-100 mW, la durata dell'impulso è 100-130 ns.

Il tipo di trattamento è scelto dal medico, tenendo conto della diagnosi e delle condizioni generali del paziente. A seconda della posizione richiesta del laser, si distinguono le seguenti tecniche di laserterapia:

  • stabile - durante la procedura, l'emettitore ha un effetto sulla distanza selezionata e su una determinata area;
  • labili - i raggi sono diretti verso vari punti, il sensore si muove;
    remoto - la fonte di radiazioni si trova ad una certa distanza dalla pelle;
  • contatto: l'emettitore si trova sulla pelle del paziente;
  • endovenoso - il flusso di raggi è diretto endovenosamente.

Esistono molti dispositivi per la terapia magnetica laser. Alcuni di loro sono progettati per funzionare nella sala di fisioterapia di un istituto medico. Per gestire un dispositivo di questo tipo può essere solo uno specialista esperto. Alcuni possono essere acquistati per uso domestico.

  • dal tipo di sostanza utilizzata: argon, azoto, elio e neon;
  • tempo di esposizione: pulsato, costante, combinato;
  • per scopo di utilizzo: chirurgico, terapeutico, diagnostico.

Nelle condizioni di un ospedale, vengono utilizzati dispositivi per la terapia laser ESMA, Matrix, Medic-2K.

Per uso domestico, ci sono dispositivi Knight, Orion 5.8, Plus, Milta (fornisce anche la possibilità di terapia magnetica).

Sfere di applicazione

Il laser in fisioterapia è un metodo universale utilizzato in vari campi della medicina. I raggi dello spettro rosso e infrarosso hanno un ampio campo di applicazione: dall'eliminazione dei difetti della pelle al trattamento di patologie complesse. La terapia laser viene utilizzata attivamente nelle seguenti aree:

  • dermatologia;
  • ginecologia;
  • neurologia;
  • otorinolaringoiatria;
  • pneumologia;
  • cardiologia;
  • odontoiatria;
  • urologia;
  • flebologia;
  • gastroenterologia.

Effetti laser

La radiazione usata si riferisce al calore, poiché questo effetto vasodilatatore è ottenuto. Quando viene esposto all'assorbimento laser di energia luminosa, ciò porta all'attivazione dei processi fotobiologici. La loro base è il rilascio di calcio libero e l'insorgenza di reazioni:

  • normalizzazione dell'immunità;
  • miglioramento del trofismo tissutale;
  • dilatazione dei vasi sanguigni;
  • riduzione del dolore;
  • aumentare la resistenza del corpo non solo alle infezioni, ma anche alle sostanze tossiche;
  • effetto anti-infiammatorio;
  • effetto anti-allergico;
  • disintossicazione;
  • miglioramento della rigenerazione, metabolismo a livello cellulare, microcircolazione;
  • Riparazione del DNA;
  • aumento della formazione del sangue;
  • effetto riflesso su punti biologicamente attivi.

vantaggi

Uno dei principali vantaggi dell'uso del laser in medicina è un piccolo numero di controindicazioni. Nel trattamento delle malattie dell'apparato muscolo-scheletrico, la terapia laser elimina la necessità di assumere una grande quantità di farmaci farmacologici e l'effetto dei farmaci utilizzati è migliorato.

La procedura laser non causa allergie e dipendenza, i termini di trattamento e il periodo di riabilitazione sono ridotti e l'effetto terapeutico dura a lungo. Le sessioni non causano disagio e possono essere tenute in clinica, senza necessità di ricovero in ospedale. Il trattamento può essere usato profilatticamente. In pediatria, la terapia laser è il miglior metodo fisioterapico a causa della sua indolenzimento.

Indicazioni per l'uso

La terapia laser non è una tecnica specifica ed è usata per trattare molte malattie. A seconda dello scopo, l'uso di raggi infrarossi e rossi può essere suddiviso in gruppi:

  • riabilitazione di: lavoratori in condizioni di lavoro pericolose;
  • atleti;
  • spesso soffre di infezioni respiratorie acute;
  • ridurre i livelli lipidici;
  • uso profilattico: per evitare complicazioni dopo infortuni e operazioni;
  • dopo radioterapia e chemioterapia;
  • per la prevenzione delle complicanze delle malattie croniche;
  • trattamento: malattie degenerative-distrofiche della colonna vertebrale e delle articolazioni;
  • l'infiammazione;
  • pancreatite;
  • gastrite, gastroduodenitis;
  • ulcere dello stomaco e del duodeno, coliche intestinali;
  • malattie endocrine: tiroidite, obesità;
  • patologia cardiovascolare;
  • malattie ginecologiche;
  • malattie della pelle: dermatiti, neurodermiti, psoriasi;
  • patologia autoimmune;
  • lunghe ferite rigeneranti, ustioni, ulcere trofiche;
  • insufficienza circolatoria cerebrale;
  • patologia linfonodale;
  • stati di immunodeficienza;
  • complicanze infiammatorie dopo chirurgia e lesioni;
  • sepsi;
  • infezioni sessualmente trasmesse;
  • Stati tromboobliteriruyuschih;
  • difetti cosmetologici.

Trattamento laser delle malattie della colonna vertebrale e delle articolazioni

La terapia laser viene utilizzata per il trattamento di molte patologie dell'apparato muscolo-scheletrico, causate da infiammazione o alterazioni distrofiche:

La terapia laser occupa un posto importante nel trattamento dell'osteocondrosi. Il flusso dei raggi luminosi agisce localmente sul nido del processo patologico e accelera il recupero. Per il trattamento delle malattie della colonna vertebrale utilizzare un raggio laser a bassa intensità. La maggiore profondità di penetrazione dei raggi migliora il trofismo della cartilagine e del tessuto osseo, la circolazione del sangue nei tessuti molli adiacenti e interrompe i processi di distruzione.

Il trattamento laser dell'osteocondrosi e di altre patologie dell'apparato muscolo-scheletrico comporta l'uso di uno dei seguenti tipi di effetti:

  • sul centro della malattia;
  • sul fascio neurovascolare;
  • segmentale sulla colonna vertebrale;
  • agopuntura (riflesso) su punti biologicamente attivi.

La scelta del metodo dipende dal sintomo principale della malattia: dolore, disturbi vascolari o sindrome riflessa. Occorrono spesso mesi per curare completamente un paziente di osteocondrosi. La terapia laser per l'osteocondrosi prevede tre fasi:

  1. 8-10 procedure alleviano il paziente da sintomi spiacevoli e interrompono i processi degenerativi nei tessuti, il miglioramento del benessere si nota dopo la terza sessione;
  2. in un mese vengono svolte le successive 13-15 sedute con l'aiuto di esse si ottiene la stabilizzazione dei processi;
  3. Dopo 4 settimane, dovrebbero essere eseguite le ultime 5-10 procedure;

I pazienti che hanno completato l'intero ciclo di terapia laser, hanno notato un significativo miglioramento della salute, esacerbazioni dell'osteocondrosi sono assenti. Le modifiche appaiono anche su un tomogramma computerizzato: il tessuto dei dischi intervertebrali viene ripristinato.

Per il trattamento dell'ernia intervertebrale il laser usa un ago speciale. Dopo l'anestesia preliminare, il cavo laser e la telecamera dell'endoscopio vengono inseriti attraverso di essa. Quando viene rilevata un'area danneggiata, viene colpita da un laser, mentre l'uso aggiuntivo dei raggi X consente di monitorare l'avanzamento della procedura. Durante la terapia laser, il disco intervertebrale si riscalda fino a 70 gradi, il tessuto danneggiato evapora, il nucleo si contrae, di conseguenza, la pressione sulle fibre nervose diminuisce. L'ernia si riduce di dimensioni, il tessuto viene ripristinato e viene stimolata la crescita delle cellule della cartilagine. Tuttavia, questa azione viene osservata solo dopo sei mesi.

La terapia laser per l'artrosi nelle fasi iniziali allevia il dolore, allevia il gonfiore, riduce l'infiammazione, promuove la guarigione delle ferite. Nelle fasi successive della malattia, questo tipo di fisioterapia evita l'intervento chirurgico. È ampiamente usato per il trattamento dell'osteoartrosi del ginocchio. In combinazione con i farmaci, la terapia laser è efficace al 99,9%.

Per consolidare il risultato dopo il corso del trattamento delle articolazioni con un laser, si consiglia al paziente di osservare le seguenti misure preventive:

  • mantenere uno stile di vita sano;
  • perdita di peso;
  • l'uso di scarpe ortopediche comode, se necessario;
  • riduzione dell'attività fisica;
  • contattare uno specialista ai primi sintomi di recidiva.

Malattie ginecologiche

La terapia laser in ginecologia ha trovato ampia applicazione, ma è più spesso usata per trattare le seguenti malattie:

  • leucoplachia;
  • condilomi e papillomi;
  • polipi della cervice, endometrio;
  • cambiamenti displastici;
  • formazioni cistiche, policistiche;
  • ascessi;
  • endometriosi;
  • herpes;
  • partizioni e deformazioni;
  • adesioni;
  • fibromi;
  • mastite, cisti delle ghiandole mammarie;
  • infertilità e menopausa.

Per il trattamento di alcune malattie degli organi genitali femminili, viene utilizzata un'azione combinata: sui punti riflessi e direttamente sul centro patologico. Spesso questo dà un effetto migliore rispetto all'utilizzo delle tecniche in isolamento. La scelta del metodo di esposizione viene effettuata individualmente, in base al tipo di patologia. Le sessioni si svolgono ogni giorno, a partire da 5-7 giorni del ciclo mestruale, la durata del corso dipende dalla gravità e dalla natura della malattia

La terapia laser in ginecologia viene applicata in uno e nei seguenti modi:

  • transaddominale: attraverso la parete addominale;
  • transvaginalmente attraverso la vagina usando gli allegati;
  • combinato (include i primi due modi);
  • terapia laser per via endovenosa per malattie infettive e durante la gravidanza.

Nelle donne in gravidanza, il trattamento laser viene utilizzato per eliminare la tossicosi tardiva e la correzione dell'insufficienza fetoplacentare. Nel periodo postpartum, con l'aiuto di questo tipo di fisioterapia, si ottiene una rapida rigenerazione dei tessuti uterini, la guarigione delle suture dopo l'episiotomia viene accelerata. La terapia laser riduce al minimo il numero di complicanze postpartum, viene utilizzata per combattere la lattostasi, favorisce la guarigione delle crepe dei capezzoli e la produzione di latte.

Per malattie del tratto respiratorio superiore

Per la terapia laser ORL vengono utilizzati dispositivi speciali che generano lampi di luce di varie frequenze. L'esposizione esatta riduce il gonfiore e l'infiammazione. La terapia laser è utilizzata per trattare un'ampia gamma di malattie otorinolaringoiatriche:

  • rinite acuta;
  • rinite vasomotoria cronica;
  • febbre da fieno;
  • sinusite frontale;
  • adenoidi;
  • mal di gola;
  • tonsillite cronica;
  • mal di gola;
  • otite, tubootite;
  • otomicosi;
  • ustioni alla gola

In otorinolaringoiatria, è possibile utilizzare la terapia laser e dopo l'intervento chirurgico, ciò consente di evitare lo sviluppo di complicanze (gonfiore, secchezza, formazione di croste). Dopo completamento di trattamento, è necessario seguire le raccomandazioni del dottore: rifiuto da cibo caldo, rispetto per pace.

In odontoiatria

Attrezzature speciali adattate per una serie di procedure consentono l'uso diffuso della terapia laser in odontoiatria per il trattamento di:

  • colli e denti dopo la lavorazione sotto le corone;
  • carie medie e profonde prima di installare otturazioni;
  • pulpite, parodontite dopo trattamento canalare;
  • malattie parodontali e mucosa orale;
  • speroni del tallone;
  • utilizzato per la prevenzione della carie caria e il trattamento della carie dentale nella fase iniziale.

Heel Spur Treatment

La medicina ha diversi modi per combattere la fascite plantare - sperone calcaneare. Uno e metodi di trattamento è la terapia laser. Il principio del laser nel trattamento di questa malattia:

  • migliore assorbimento della fibrina;
  • un aumento del numero di leucociti nella lesione;
  • aumento dell'attività dei fibroblasti;
  • rilascio di calcio.

Il trattamento dello sperone calcaneare con un laser avviene in più fasi: 10 sessioni vengono eseguite ogni giorno, i raggi vengono inviati al tallone da 4 lati diversi, dopo 14 giorni inizia il secondo stadio - 10 procedure con frequenza di radiazione crescente. Nei casi gravi con effetto terapeutico insufficiente, viene prescritto un terzo ciclo. Durante le ultime 10 sessioni, aumenta anche il tasso di guarigione.

Di conseguenza, l'azione normalizza la biomeccanica del piede, che ha un effetto positivo sulle articolazioni della caviglia e del ginocchio.

Controindicazioni

L'uso della laserterapia è possibile solo dopo aver consultato un medico. Questo metodo ha poche controindicazioni, possono essere divisi in assoluto e relativo (quando la possibilità di usare un laser è determinata dal medico).

Controindicazioni alla terapia laser:

  • assoluto: intolleranza individuale del metodo;
  • primo trimestre di gravidanza;
  • tubercolosi con escrezione batterica;
  • disturbo della formazione del sangue;
  • tendenza a sanguinare.
  • patologia grave dei vasi sanguigni e del cuore;
  • grave danno ai reni e al fegato;
  • neoplasie nell'area d'impatto;
  • tubercolosi cronica.

Anche in assenza di controindicazioni, il paziente può provare disagio associato ad un aumento focale del metabolismo. Tra questi: aumento del dolore nel 20% dei casi, vertigini e mal di testa.

Terapia laser magnetica

La combinazione di due fattori fisici utili - un campo magnetico e uno studio laser a bassa intensità - è una direzione promettente in fisioterapia. A causa di questa influenza, vengono stimolati i processi di scambio e rigenerazione. I campi magnetici migliorano l'azione del raggio laser, mentre i loro effetti sono simultanei, si verifica un effetto foto-magnetoelettrico, che ha un effetto positivo su tessuti e sangue. MLT è ampiamente usato per trattare la patologia di vari organi e sistemi, comprese le malattie della colonna vertebrale e delle articolazioni.

La terapia laser ha controindicazioni:

  • oncologia;
  • malattie infettive;
  • gravidanza e allattamento;
  • malattie del sangue;
  • malattie del cuore e dei vasi sanguigni nella fase di scompenso;
  • patologia grave del fegato e dei reni;
  • febbre alta;
  • ipertiroidismo;
  • lupus eritematoso sistemico;
  • porfiria.

Nonostante il gran numero di condizioni in cui la terapia laser magnetica non può essere utilizzata, è un metodo di trattamento promettente. E anche il basso costo di questo tipo di fisioterapia è importante, permette di usarlo ampiamente. Nelle forme acute della malattia, la MLT consente di eliminare completamente la patologia, è facilmente tollerabile dal paziente, non provoca dolore e allergie, migliora l'immunità. L'effetto non è solo sulla zona interessata, ma anche su tutto il corpo nel suo complesso - l'assunzione di complessi multivitaminici e immunomodulatori ha effetti simili.

Agopuntura laser

L'agopuntura laser ha diversi vantaggi rispetto alla tradizionale: non è necessario forare la pelle e utilizzare gli aghi, che spesso causano paura. Questo metodo è indolore. L'uso di un laser per stimolare punti biologicamente attivi ha trovato impiego nel trattamento di patologie del sistema nervoso centrale e periferico, organi respiratori, sistemi cardiovascolari e digestivi e pelle. E l'agopuntura laser è efficace anche nelle malattie infiammatorie delle alte vie respiratorie e dei disturbi mentali, nella lotta contro le dipendenze.

La fase più difficile della puntura laser è la ricerca di punti di impatto e la scelta di un tipo di laser adatto. È possibile influenzare qualsiasi punto, eccetto che si trova vicino agli occhi. Il tempo di esposizione va da 15 secondi a 1 minuto, ma si ritiene che l'effetto migliore si verifichi nei primi 10-15 secondi. Nel caso di trattamento di localizzazione profonda del processo patologico richiede un'illuminazione più lunga. I punti sulle mani e sulle orecchie, al contrario, sono soggetti a effetti più brevi.

La metodologia del

Molto spesso, una sessione di laser terapia non richiede il ricovero in ospedale, la procedura viene eseguita su base ambulatoriale e dopo che è finito il paziente torna a casa. La durata dell'esposizione a un campo è di 2-5 minuti, l'intera procedura dura circa 20 minuti.

  • se diverse procedure fisioterapeutiche sono pianificate nello stesso giorno, il trattamento laser viene eseguito 30 minuti prima di un'altra esposizione;
  • la terapia laser e l'esame radiografico non possono essere utilizzati nello stesso giorno;
  • le procedure di laserterapia aumentano l'effetto del trattamento farmacologico, pertanto le dosi di farmaci durante questo periodo sono ridotte;
  • il numero di sessioni per corso è di 8-12, con i primi 5 giorni di laserterapia eseguiti ogni giorno e il resto - ogni altro giorno;
  • per le persone sensibili ai cambiamenti del tempo, l'effetto del laser si dimezza.

La terapia laser consente di affrontare rapidamente le cause della malattia e di eliminare i sintomi spiacevoli. Tuttavia, per il trattamento della maggior parte delle malattie, non è sufficiente utilizzare un solo metodo di terapia: sono necessari farmaci, terapia fisica e l'uso di altre tecniche di fisioterapia.

Le radiazioni laser non hanno praticamente controindicazioni assolute, ma per ottenere il miglior effetto terapeutico è necessaria una selezione individuale del regime di trattamento e la durata dell'esposizione durante ogni sessione. Per scegliere la tattica della terapia laser, è necessario consultare un medico.

VLOK in ginecologia

VLOK in ginecologia e neonatologia viene utilizzato per la prevenzione e il trattamento delle complicanze purulenta-settiche, che occupano uno dei primi posti in queste aree della medicina in termini di tassi di incidenza. La polmonite, la sepsi e altre malattie richiedono una grande quantità di farmaci. Tale tattica terapeutica porta allo sviluppo di allergie, riduzione dell'immunità. L'irradiazione laser intravenosa del sangue riduce il numero di farmaci e ha un effetto complesso:

  • immunomodulante,
  • battericida,
  • anti-infiammatori,
  • antivirale,
  • antidolorifico
  • anti-stress.

VLOK durante la gravidanza

In ginecologia, VLOK è raccomandato sia per donne non gravide che per donne con bambini. La prima procedura è indicata per i pazienti con predisposizione alle complicanze infiammatorie purulente:

  • con salpingoophorite cronica, endometrite, colpite,
  • se c'è una storia di chirurgia,

L'irradiazione laser del sangue viene effettuata in donne con malattie virali croniche, a cui viene diagnosticato aborto spontaneo, parto prematuro, morte fetale, nascita di bambini con infezione.

In ginecologia, l'irradiazione laser per via endovenosa è anche indicata per:

  • forme tipiche e atipiche di HSV di tipo II in preparazione alla gravidanza, parto dopo un periodo di gestazione di 32 settimane,
  • forme croniche e subacute di bartolinite,
  • endometriosi,
  • pielonefrite cronica in gravidanza dopo 32 settimane,
  • peritonite e sepsi in un programma di trattamento completo.

In preparazione alla gravidanza o all'intervento, VLOK inizia da 6-7 giorni del ciclo mestruale. I test preliminari vengono effettuati utilizzando metodi clinici, biochimici, emostasiologici, immunologici e di altro tipo. Offriamo pre-test in SAD. Il medico creerà per te una lista individuale di studi.

Nel ciclo successivo, dopo VLOC, sono ammessi vari interventi:

  • isteroscopia,
  • laparoscopia,
  • laparotomia,
  • curettage diagnostico dell'utero e del canale cervicale,
  • separazione delle adesioni, ecc.

VLOK durante la gravidanza con un'infezione virale dopo un periodo di 32 settimane consente:

  • ridurre l'attività di una malattia virale ad uno stato di remissione (un effetto positivo dura per almeno 4-4,5 mesi),
  • ridurre il rischio di complicazioni infettive nei neonati.

Controindicazioni

  • malattie del sangue
  • sindromi ematologiche con ridotta coagulazione del sangue,
  • malattie cardiovascolari nella fase di scompenso,
  • grave diabete mellito
  • nevrosi,
  • febbre acuta di causa poco chiara
  • estremo esaurimento,
  • tireotossicosi grave,
  • infezioni acute
  • la sifilide,
  • tubercolosi attiva,
  • tumore,
  • ipotensione.

Il nostro reparto di ginecologia conduce VLOK durante la gravidanza. La durata del corso di fisioterapia per i pazienti è determinata dallo specialista in base ai risultati dell'esame.

Chiedi informazioni preliminari per telefono.